Archives for : K. Branagh

Il martello, lo scudo e la pietra

Mentre al cinema imperversano gli Avengers, arrivati alla fine dei giochi (Avengers: Endgames, A. & J. Russo, 2019) che a sorpresa ha scalzato l’inaffondabile Titanic dalla seconda posizione dei film più visti nella storia del cinema, secondo quindi solo ad Avatar (di cui spero di parlarne al più presto) mi accingo a redigere il post che segue. Scrivere dei supereroi non è semplice, l’argomento è vasto, i personaggi sono molti e con diverse sfumature (infatti proprio ora nelle sale c’è il film L’Angelo del male -Brightburn, (D. Yarovesky, 2019) con protagonista un ragazzino, misteriosamente arrivato dallo spazio e che crescendo rivela poteri terribili.
Inoltre non sono un vero appassionato, sono convinto che i cosiddetti eroi in maschera e calzamaglia, per certi versi, siano improponibili al cinema, anche se negli ultimi anni, sono stati prodotti e realizzati, veri blockbuster, in particolare dalla Marvel, acerrima concorrente della DC Comics, e nello specifico le saghe degli X-Men, e degli Avengers.
È proprio di due di questi vorremmo parlare: Capitan America e Thor, ma con un occhio di riguardo alle loro particolari “armi”, in parallelo con un altro argomento: la costruzione delle piramidi, da sempre una spina nel fianco per la scienza ufficiale.
In parecchi ora si staranno chiedendo come si possono unire due argomenti così apparentemente lontani tra di loro. Qualche riga sulla storia dei due super eroi: Thor e Capitan America.

Il Dio Thor, il figlio del Dio Supremo Odino, della mitologia norrena, era considerato, il protettore dell’umanità e brandisce la più stupefacente è straordinaria arma, il magico martello Mjollnir, che simbolicamente rappresentava il fulmine (Wikipedia). Il personaggio (immaginario?) dei fumetti Marvel fu creato da Stan Lee e Jack Kirby, e fece la sua comparsa sugli albi, nel 1962.
Capitan America, invece fu creato nel 1941, sempre da Jack Kirby con Joe Simon, rappresentava «un’America libera e democratica che si opponeva a una Germania Nazista, antidemocratica, imperialista e bellicosa»(Wikipedia).
Il personaggio è il risultato di un esperimento genetico: dopo l’iniezione del siero del super soldato (che tra l’altro è uno degli argomenti must della serie X-Files), il suo corpo si trasforma, da gracile cresce in altezza e muscoli e con il cervello potenziato tanto da farlo diventare un uomo perfetto (Wikipedia).
E proprio in una puntata della serie X-Files, dal titolo Triangolo (6×03), il protagonista Fox Mulder si trova coinvolto in un loop temporale: ripescato su una nave inglese, scomparsa misteriosamente nei primi anni ‘30 nel Triangolo delle Bermude, per fa sì che le sorti della guerra non si capovolgano deve salvare il “martello di Thor”, che non è un’arma, nell’episodio, ma un uomo. Come funzionano nello specifico le due armi qui in oggetto? Sia il martello di Thor che lo scudo di Capitan America sono molto potenti, indistruttibili, resistenti, velocissimi e, come un boomerang in grado di tornare nelle mani dei loro abili detentori.
Logicamente essendo Thor un alieno, anche la sua arma è di fatto, un’arma aliena, costruita pare con un metallo inesistente sulla Terra, risulta talmente pesante che solo il figlio di Odino può sollevarlo. E qui ci sono le prime considerazioni: nessuno degli altri Avengers riesce a sollevarlo, ma nel secondo film (Age of Ultron, J. Whedon, 2015), se ne sta comodamente appoggiato su un tavolino di vetro!
Più precisamente nel film Thor (K. Branagh, 2011), viene ritrovato in una zona desertica, in un sito grosso quasi come un cratere: come ha fatto a fermarsi solo a quella profondità e non è sprofondato visto che nessun materiale, nessun minerale, roccia o altro possono farlo?
Allo stesso modo lo scudo di Capitan America, costruito con una lega contenente un rarissimo minerale, il Vibranio, può anch’egli resistere a tutto, le pallottole gli fanno un baffo, lamiere di auto squarciate, può reggere ad ogni urto di qualsiasi mezzo, esplosioni, ecc. In poche parole superano, e di gran lunga, le leggi della fisica da noi conosciute.
Ma neanche il martello di Thor può nulla contro lo scudo di Capitan America? Ebbene la risposta è No! Lo scudo risulta in grado di fermare il martello del figlio di Odino! Anzi le due armi possono essere usate in sinergia. E qui cominciamo ad entrare più nel merito della questione. Quando lottano insieme, se i nemici sono troppi da affrontarli uno ad uno, Capitan America mette un ginocchio a terra, si copre con lo scudo, mentre il “Dio” Thor, in elevazione, colpisce violentemente lo scudo con il martello.
E cosa succede? Succede che si forma un’onda sonica. L’energia sprigionata è talmente potente da scagliare tutti a terra, macchine spazzate via, alberi abbattuti, in pratica ogni volta una piccola Tunguska.
Per ciò che concerne la piramide di Cheope, essa è l’unica delle sette meraviglie del mondo antico giunta fino a noi, in grado, ancora oggi, come accennato, di imbarazzare la scienza accademica e la teoria secondo la quale essa venne costruita(?), in vent’anni, con lo sforzo di migliaia di operai (non schiavi), poco alla volta, blocco di pietra su blocco di pietra, a spinta, fu realizzata un’opera che sfida quasi le leggi della natura e dell’uomo.
Partiamo da alcuni dati: attribuita al faraone omonimo che regnò nella IV dinastia, è lì immobile da oltre 4000 anni, l’altezza originale era poco meno di 150 mt. con i lati alla base di circa 230 mt. Occupa un volume di oltre 2 milioni e 600 mila metri cubi, pesa circa 7 milioni di tonnellate, i blocchi di calcare con i quali è stato innalzato il monumento sono circa 2,3 milioni! Per fare un rapido esempio il Colosseo era alto poco più di 50 metri, per 0,25 milioni di tonnellate di peso, e occupa un volume di soli 100 mila metri cubici (Extremamente).
La piramide poggia su uno sperone della piana di Giza, costituito da roccia calcarea, il sito venne scelto perché la base rocciosa dava solide garanzie per la struttura che cosi non sarebbe sprofondata, diversi storici hanno lasciato alcune testimonianze, la più interessante è quella di Diodoro Siculo che visitò l’Egitto nel 60 a.C. espresse la sua meraviglia perché la piramide «sembra essere collocata in quel luogo, in mezzo alla sabbia, dalla mano di un Dio» (Wikipedia).

Prove strumentali

Nelle costruzioni moderne, è lapalissiano che ogni costruzione o immobile ha bisogno delle fondamenta: dalle classiche villette all’americana a due piani fino agli altissimi grattacieli, se non si è sicuri del terreno solido sotto i piedi non si può costruire e di fatti quando esso non offre sufficienti garanzie, si costruiscono pali o pilastri in grado di raggiungere la roccia sottostante o in estrema soluzione, si è costretti a cambiare sito.
È tutto questo accade logicamente dopo aver fatto diverse prove strumentali(1), ma per le piramidi è bastata solo la conoscenza del luogo per identificare il sito. Ma come facevano gli egiziani, ad essere totalmente sicuri, senza l’uso di nessun strumento? Visto che stiamo parlando di supereroi qualche loro architetto forse aveva la vista a raggi X come Superman, per sbirciare giù in profondità? Oppure… Oppure come i revisionisti sostengono da anni, fu usata una tecnologia che è stata dimenticata o addirittura ancora oggi sconosciuta all’uomo.
Quale potrebbe essere tale magia? Nel primo Thor è proprio egli a dire alla scienziata: «I vostri avi la chiamavano magia, voi la chiamate scienza, io vengo da un luogo in cui sono un’unica cosa». Ebbene nel finale di X-Men -Giorni di un futuro passato (B. Singer, 2014), dopo i titoli di coda c’è una breve clip, una sorta di incipit per il capitolo successivo, in cui si vede il faraone, il primo X-Men che la storia ricordi, che come un mago, ma forse con l’ausilio dell’energia sonica che ad altissime frequenze potrebbe vincere la forza di gravità, assembla velocemente e senza alcuna fatica, la piramide. Un antico proverbio arabo dice: «L’uomo ha paura del tempo, ma il tempo ha paura delle piramidi».
E secondo me fa bene perché un giorno la verità verrà a galla, e sarà una verità sconvolgente.

Nota:
Le analisi fisico meccaniche dei terreni di fondazione servono per stabilire le condizioni specifiche del terreno su cui saranno poggiate le strutture di fondazione, e delle conseguenti sollecitazioni poste in risposta ai carichi trasmessi dal fabbricato. I valori sono indispensabili per una corretta fase progettuale e per la verifica di stabilità delle fronti di scavo.
https://www.lavorincasa.it/diagnosi-su-terreni-di-fondazione-e-strutture-edilizie/

credits:
https://www.marvel.com/movies/the-avengers
https://www.youtube.com/watch?v=yRDGx76tZWM
https://www.termometropolitico.it/1284614_thor-cast-trama-e-curiosita.html
https://www.mondofox.it/2018/11/30/giorni-chris-evans-panni-capitan-america-non-finiti/
https://www.lavorincasa.it/diagnosi-su-terreni-di-fondazione-e-strutture-edilizie/