In dubbio l’esistenza di Dio?

E’ stato un successo l’esperimento eseguito al CERN di Ginevra all’interno dell’LHC «la più grande macchina costruita dall’uomo», dove fasci di protoni sono stati sparati, nell’anello lungo 27 km, ad una velocità prossima a quella della luce, il tutto, come già detto, anche in questo blog, per cercare di ricreare le condizioni, ipoteticamente verificatesi nel Big Bang che ha dato origine al nostro universo e, in particolare, scovare il bosone di Higgs, più comunemente noto come “particella di Dio”.
Nei giorni scorsi si è fatto un gran parlare in quanto alcuni scienziati, anche di un certo rilievo, avevano cercato di far annullare l’esperimento perché si temeva che dalla collisione dei protoni potevano formarsi microscopici buchi neri, uno dei quali avrebbe potuto, ingrandendosi, inghiottire l’intero pianeta.
Anche se gli stessi scienziati, responsabili dell’esperimento avevano affermato che l’ipotesi non era da scartare, hanno comunque osteggiato una tale sicurezza,  ridicolizzando i loro colleghi scettici, che è sembrato per certi versi quasi un delirio di onnipotenza, senza tenere presente che «molto probabilmente sono entrate in gioco leggi fisiche molto diverse da quelle note oggi» (ansa.it).
In pratica, è solo un mio modesto parere, la frase che andrebbe detta da uno scienziato alla fine di ogni suo discorso, specie quando ci si affaccia per la prima volta verso orizzonti inesplorati è “… secondo le nostre attuali conoscenze”, in quanto quello che non sappiamo, sull’universo che ci circonda, è ancora una grossa percentuale.
Ma, come detto, sembra che molti scienziati, siano narcotizzati dalla sete di conoscenza o peggio, così come ha commentato Ludovica, 9 anni, «ma che vogliono dimostrare che Dio non esiste?».

Commenti_In dubbio l’esistenza di Dio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.