Archives for : Jihadisti

Parigi, solo una messa?

«Possibili attentati in Italia». «Probabili obiettivi sensibili: San Pietro a Roma (che fra non molto sarà blindata per il Giubileo, nda), Duomo e la Scala a Milano». «Possibile utilizzo di armi chimiche e batteriologiche». «L’FBI conferma».
Inoltre nell’attentato a Parigi subito identificati i presunti responsabili tramite documenti ritrovati miracolosamente immacolati, mentre nel raid dei corpi speciali a Saint-Denise, è solo tramite il DNA che si è riusciti ad identificare una delle “menti” dell’operazione terroristica, l’altro è ancora fuggitivo in Europa, ma forse probabilmente rientrato in Siria. Inoltre la donna, che si è fatta esplodere (la prima in Europa) nell’appartamento preso d’assalto dalle forze dell’ordine, mentre parlava con i militari stessi, anch’essi miracolosamente usciti quasi illesi…
A dieci giorni dalla strage queste sono al momento le notizie più importanti, ma si potrebbe continuare ancora dicendo che i media mainstream timidamente iniziano a parlare di diritti che potrebbero essere tolti alla popolazione in cambio di più protezione. Solo con questa ultima frase si potrebbero far scorrere fiumi d’inchiostro in quanto terreno fertile per noi convinti assertori delle tesi complottistiche.
Ma partiamo dall’inizio: «L’FBI conferma». Ma che cosa c’è da confermare? Quello che non venne confermato (con la Cia) degli attentati dell’11 settembre, proprio sul suolo americano?
E i servizi d’intelligence francesi come ne escono da tutto questo? L’attentato come quello di Parigi, il più grave commesso in Europa con 130 morti e oltre trecento feriti, che ha avuto come teatro ben sette obiettivi, è stato veramente organizzato da sole due “menti” che con gli altri terroristi coinvolti arrivano si e no ad una decina di elementi, non è stato ideato, progettato ed eseguito in un paio di giorni, ma sicuramente c’è voluto molto più tempo; ed allora dov’erano in questo frangente, tutto questo esercito di militari, forze dell’ordine, forze speciali, uomini dell’intelligence. Il mezzo esercito è sceso in campo quando già da tempo “l’intelligence” sapeva dove e come colpire.
Inoltre, tra le tante cose che si leggono in rete: «La “guerra al terrorismo” ha prodotto 13 milioni di morti come minimo fra Irak, Afghanistan e Pakistan: crimini contro l’umanità che restano impuniti e a cui abbiamo preso parte anche noi, se non altro come contribuenti. Questo preteso scontro di civiltà,“è un’impostura che ne maschera un’altra, quella dell’alleanza militare tra i paesi occidentali e i padrini finanziari del jihadismo”.In pratica un altro “false flag” tipo 11 settembre» (1).
Ma quello che solo timidamente, i mezzi di comunicazione dicono, è come fanno ad avere tutte quelle armi così sofisticate, uomini che sembrano solo umili pastori. Se da un lato è chiaro che le armi vengono loro vendute dall’occidente è altrettanto risaputo il fatto che il denaro arriva dalla vendita di droghe, riscatti per liberare ostaggi, vendita di reperti archeologici e, infine, commercio e vendita di donne dopo essere state regolarmente violentate dai sedicenti figli di Allah il Grande. Logicamente per chi gestisce queste cose nell’ombra conviene sempre sanare l’effetto mai toccare la causa. E per concludere ecco che il cocktail è servito con una spruzzata di esoterismo.
Secondo voi le date vengono scelte a caso? Perché è stato scelto venerdì 13? Perché chi detiene il potere, quello vero, conosce la storia molto meglio di noi visto che sono proprio loro ad inventarla.
Francia, Parigi (guarda caso), Anno Domini 1307, venerdì 13 ottobre. Il re Filippo il Bello con il tacito assenso di Papa Clemente V, diede il via in tutto il regno alla caccia ai templari, colpevoli di eresia secondo il Vaticano, ma con lo scopo di mettere le mani sul loro leggendario tesoro.
I templari custodi di verità esoteriche, vennero arrestati, torturati per estorcere loro una falsa testimonianza e messi poi al rogo con il loro capo Jacques de Molay, giustiziato venerdì 13 marzo 1314, davanti alla basilica di Notre-Dame.Ma alcuni riuscirono a fuggire con il tesoro, forse riparando in America più di cento anni prima di Colombo. Francia 2015 d.C. Parigi venerdì 13 novembre, la storia si ripete.
Quali conclusioni trarre da tutto ciò? Non sono d’accordo che tutto ciò sia uno scontro di civiltà. Io credo ancora nell’essere umano in quanto tale: un solo pianeta, una sola razza, una sola umanità, con le dovute, sottili differenze.

Ultim’ora:
mentre scrivo arriva la notizia di un altro attentato a Bamako capitale del Mali (ex colonia francese), in Africa, bilancio: 21 morti compresi due jiadisti.
Intanto, in Europa, Bruxelles è in allarme per possibili attentati, quasi completamente blindata.

 

Nota
1. http://www.disinformazione.it/strage_Parigi2.htm

fonti:
http://www.maurizioblondet.it/tutti-in-guerra-contro-lisis-come-voleva-erdogan
http://www.maurizioblondet.it/come-sapremo-se-e-un-false-flag/
http://www.disinformazione.it/strage_Parigi2.htm
http://www.disinformazione.it/strage_Parigi3.htm
http://www.segnidalcielo.it/nwo-isis-e-stati-uniti-damerica-seduti-allo-stesso-tavolo-perche/
http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=4843
http://www.luogocomune.net/site/modules/news/article.php?storyid=4841

photo credits:
http://notiziein.it/2015/11/14/venerdi-13-di-terrore-a-parigi/

 

 

Verified by MonsterInsights